“Il funzionamento è l’esperienza vissuta delle persone. È un’esperienza universale dell’uomo, dove corpo, persona e società sono interconnessi. Nel corso della loro vita, le persone possono avere esperienza di livelli di funzionamento diversi, associati a disturbi congeniti, danno fisico, stati patologici acuti o cronici, o invecchiamento”

(Stucki, G. e Cieza, A., 2008. The International Classification of Functioning, Disability and Health (ICF) in physical and rehabilitaion medicine. Eur J Phys Rehabil Med, 44: 299-302).

* Leggiamo dal sito http://www.giuntios.it

Con l’International Classification of Functioning Disabilty and Health (ICF), approvata nel 2001, l’OMS, secondo il quale almeno il 10% della popolazione mondiale ha una qualche esperienza di disabilità, ha fornito una cornice oggi universalmente condivisa entro la quale descrivere le funzionalità e le disabilità. L’ICF sposta infatti l’attenzione dalla causa alle conseguenze, mettendo tutti i problemi di salute sullo stesso piano e facendo in modo che possano essere fra loro confrontati usando una metrica comune. Inoltre, prende in considerazione anche gli aspetti sociali della disabilità, non vedendola più come un fatto esclusivamente “medico”. Si comprende facilmente come i concetti di malattia e disabilità vengano, nell’ICF, visti sotto un’altra luce e come questo rappresenti uno strumento fondamentale per la riabilitazione. Lo spostamento del focus sul funzionamento e l’assunzione di un approccio ecologico al problema permettono ad operatori di diversa estrazione (psicologi, medici, terapisti, operatori sociali, insegnanti, ecc.) di lavorare in equipe dalla presa in carico del paziente, alla sua (re)integrazione nel proprio ambiente familiare, di lavoro e relazioni sociali.

Nel 2003 è stata completata anche la versione per bambini e adolescenti (ICF-CY) pensata per rappresentare le caratteristiche dello sviluppo del bambino e l’influenza dell’ambiente circostante su di esso. In questo modo l’approccio ICF viene esteso anche ai problemi di salute e disabilità che possono limitare il pieno sviluppo nell’infanzia, la fanciullezza e l’adolescenza.
Ad oggi, però, l’utilizzo dell’ICF-CY, pur caldeggiato a vari livelli (di OMS, Unione Europea e governi nazionali e regionali), è stato ostacolato da due fattori: la mancanza di formazione degli operatori e la complessità d’uso. Con i suoi 1724 codici, questo sistema di classificazione risulta oneroso da applicare, richiedendo un sovraccarico di tempo e un insieme di competenze differenti in grado di verificare i codici utili.
Fedele a una visione applicativa, Giunti O.S. sta realizzando, in collaborazione con Fondazione “Don Carlo Gnocchi” Onlus, un programma di strumenti per l’ICF-CY, fondato sui core-set. Questi sono una riduzione psicometrica (quindi validata attraverso metodologie statistiche e con finalità metriche) dell’ICF, per permetterne l’uso nella pratica e nella ricerca clinica. Si tratta di elenchi (basati su un consenso generale) di categorie ICF, rilevanti per specifiche patologie o contesti riabilitativi e individuate con criteri economici (cioè nel numero minimo necessario a descrivere lo spettro prototipico dei problemi di funzionamento e di salute di pazienti con determinate condizioni di disabilità). I core-set (che possono ridurre a una quindicina il numero di codici da identificare e sono specifici per patologia/disabilità) sono lo strumento ideale di applicazione dell’ICF-CY. Il progetto di Giunti O.S. prevede la messa a disposizione di tutti gli operatori interessati alla riabilitazione, dei servizi del SSN e delle scuole di manuali d’uso e sviluppo dei core-set e di programmi informatizzati per la loro applicazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...